Ciambella alla zucca (per Halloween o anche no)

Credo che il mio poco amore per Halloween sia inversamente proporzionale a quello totale e incondizionato per la zucca, in tutte le sue versioni. Qualche giorno fa avevo visto online e appuntato tra le ricette da provare a tutti i costi questa ciambella alla zucca, così quando stamattina per il secondo weekend di fila mi sono ritrovata super sveglia e attiva alle nove e mezzo – ma sono proprio io, siamo sicuri? – ho pensato che questo sabato di sole fosse il giorno giusto per provarla. Come sempre, ho fatto qualche piccolissima modifica alla ricetta originale aggiungendo farina integrale, diminuendo leggermente le dosi dello zucchero e dell’olio e ne è venuta fuori una ciambella super morbida e dal sapore delicato che si scioglie in bocca.

Ciambella alla zucca

Ingredienti

250 g di farina autolievitante
50 g di farina integrale
280 g di zucca cotta al vapore e ridotta in purea
75 g di zucchero bianco + 75 g di zucchero di canna
100 g di olio EVO
2 uova a temperatura ambiente
un cucchiaino di cannella (facoltativ0)
una punta di lievito per dolci (o una bustina se si usa la farina classica)
un pizzico di sale

Ciambella alla zucca

Procedimento

Lavorare le uova con lo zucchero, aggiungere poi l’olio, la punta di sale, la cannella e infine la purea di zucca (eventualmente per ottenere un impasto ancora più cremoso è possibile passarla al setaccio). A parte, mescolare le farine con il lievito, aggiungerle gradualmente al resto degli ingredienti e mescolare delicatamente in modo da amalgamare il tutto.

Versare l’impasto in uno stampo precedentemente oliato (o imburrato) e infarinato, cuocere in forno caldo a 180 °C per circa mezz’ora e sfornare solo dopo aver verificato la cottura con la prova stecchino. Lasciare raffreddare e servire al naturale o spolverando con lo zucchero a velo.

Ciambella alla zucca

[ndr Questa ciambella si mantiene morbida anche nei giorni successivi, SE ci arriva!]

 

vpervalentina

Valentina Arnaldi, web editor con un sogno nel cassetto: il Cordon Bleu, una cosetta per gente di poche pretese. Nel frattempo, cucino cose e vedo posti.

2 Comments

Rispondi